Fabio Hofer piacevole conferma in un dopo Spengler da incubo

fabio hofer

Fabio Hofer al rientro dopo un lungo infortunio si presenta in grande spolvero. Ma non basta, per l’Ambrì il dopo Spengler è da paura.

Ambrì – Il dopo Spengler è un vero e proprio calvario per il leventinesi, tre sconfitte e un solo punto all’attivo. Infortuni a non finire e un attacco che sta attraversando un momento di appannamento. Tutte problematiche confermate nella trasferta di Ginevra dove l’Ambrì ha fatto di tutto uscendone però a mani vuote. Contro il Rapperswil si presenta l’occasione di invertire la rotta, a tal proposito cadono in modo opportuno i rientri di D’Agostini, Hofer e Yannick Fischer oltre a Conz a difesa della gabbia.

Fabio Hofer
Conz titolare questa sera, la difesa non lo ha aiutato

Pronti via ed è subito Upshall a sfiorare il vantaggio segno di un Ambrì determinato a far sua la gara. La dimostrazione di ciò è data anche dalla occasione che capita sul bastone di Fabio Hofer. Austriaco che, al rientro da un lungo periodo di infortunio, è ancora protagonista davanti a Nyffeler. Tra le varie occasioni biancoblu si inserisce quella di Wellman che impegna Conz. Però la prima penalità sul conto di Fischer costa il vantaggio ospite di Dünner all’11’. La reazione dei leventinesi si concretizza con Dal Pian e Hinterkirchen ma Nyffeler fa buona guardia, poi al 18′ arriva come una doccia fredda con il raddoppio di Clark. I padroni di casa alla chiusura di primo periodo si trovano già sotto di due reti senza avere subito più di quel tanto il gioco degli ospiti alquanto cinici nel concretizzare.

Fabio Hofer
Upshall a segno per l’Ambrì in occasione della prima rete sullo 0-2

I ragazzi di Cereda non intendono mollare, infatti al 23′ arriva la rete di Upshall in superiorità numerica con Loosli punito per ostruzione. Ahimè la rete del canadese non diventa quello stimolo per mettere più pressione sugli ospiti che al 28′ trovano la terza rete con Cervenka, approfittando di un rebound di Conz su Randegger. Ambrì che si fa trovare impreparato sulle ripartenze dei sangallesi ma nonostante ciò due grosse occasioni capitano a Flynn e Fabio Hofer ma non c’é nulla da fare, il disco non ha alcuna intenzione di superare la doppia linea rossa. È Zweger però a trovare il 2-3 al 37′ questa volta in superiorità numerica, punto provvidenziale sul finire di periodo.

Annuncio Pubblicitario

Ci si aspetta un’Ambrì più gagliardo ma non è così, poca convinzione e anche poche energie, infatti al 44′ arriva il 2-4 di Casutt con un tiro di poche pretese. Cereda cerca di spronare i suoi ma c’è davvero poco da fare. Con Conz fuori arriva anche il quinto punto di Clark in doppia cifra questa sera. Per i leventinesi l’ennesima sconfitta di questo inizio di 2020 davvero nefasto. Oggi si replica a Rapperswil, che una gita al lago diventi salutare…..

Fabio Hofer: al rientro da un lungo infortunio al polso, è il vero mattatore della serata almeno fino a quando le forze lo sorreggono. Manca sola la ciliegina della rete in una serata comunque positiva per l’attaccante biancoblu.

Fabio Hofer
Per i sangallesi non e’ stato difficile aver la meglio sui leventinesi

Hc Ambrì Piotta – Sc Rapperswil Jona Lakers 2-5: (0-2, 2-1, 0-1)
Reti: 14’26’’ Dünner (Rowe, Profico) 0-1; 17’54’’ Clark (Cervenka, Schneeberger) 0-2; 23’16’’ Upshall (Flynn, Hinterkircher) 1-2; 28’03’’ Cervenka (Randegger) 1-3; 37’25’’ Zwerger (Müller) 2-3; 43’51’’ Casutt (Maier, Clark) 2-4; 59’40’’ Clark (Dufner) 2-5.
Ambrì: Conz; Fischer, Plastino; Dotti, Ngoy; Pinana, Fora; Jelovac, Fohrler; Upshall, Flynn, D’Agostini; Zwerger, Müller, Neuenschwander; Hinterkircher, Goi, Trisconi; Incir, Dal Pian, Fabio Hofer.
Penalità: HCAP 2×2’ SCRJ 4×2’
Note: Valascia 5’333 spettatori. Arbitri: Urban, Müller, Bürgi, Wolf.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento