Elias Bianchi mette fieno in cascina, Hcap avanti senza emozioni

Elias Bianchi da la carica giusta, segna e indica la via del successo per i leventinesi. Il Kloten rimane senza benzina, solo Sallinen e Santala centrano il bersaglio ma non basta.

Ambri’ Piotta – Dopo il passo falso in gara 2 alla Swiss Arena giovedì sera, i leventinesi sono chiamati a riprendere il ritmo vincente di gara 1.  Luca Cereda conferma tutti, Kevin Schläpfer ritrova il suo capitano Denis Hollenstein dopo la squalifica di due turni, per entrambi le squadre è vitale vincere per posizionarsi al meglio nella serie e mettersi al riparo da brutte sorprese. Gli Aviatori iniziano subito in avanti, spingono moltissimo e provocano la prima penalità del match, sulla panchina dei puniti va ad accomodarsi Eliot Berthon e in power-play con Tommy Santala assistito da Kellenberger e Praplan si portano avanti 1-0 al 4’09”, ma lo stesso Berthon si fa perdonare ribadendo in rete una precedente conclusione di Dominik Kubalik al 7’17”. Botta e risposta tra le due squadre che non ci stanno a soccombere ma un gran tiro di Elias Bianchi al 14’25” porta in vantaggio i leventinesi per la seconda volta. Buon Ambrì, ma il rischio che l’attenzione possa calare è dietro l’angolo e Adrien Lauper per ostruzione al portiere Luca Boltshauser prende due minuti, dal power play degli aviatori scaturisce il pareggio con il finlandese Tommi Sallinen che dallo slot fatto secco Conz trova il 2-2 al 17’40” (assist di Bozon e Abbott). Il fischio della prima sirena richiama tutti a fermare le ostilità per una pausa.

Il secondo tempo parte in sordina, nessuna occasione e pochi tiri verso la porta per entrambi le compagini, solo l’Ambrì sembra più vivo, con la voglia di portare casa il successo e Cory Emmerton al 29’58” sigla il 3-2  praticamente a metà partita con un tiro che sorprende Boltshauser. Il Kloten sta a guardare, non accinge ad alcuna reazione, sembra che attenda il fischio della seconda sirena per ritrovare forza e convinzione, un secondo periodo dove i leventinesi hanno cercato di fare qualcosa in più dei loro avversari ma con poca precisione.

La seconda pausa per gli aviatori doveva essere il pretesto per fare il punto della situazione, riordinare le idee ed entrare sul ghiaccio con il piglio giusto, ma purtroppo non è così. La benzina è finita, solo l’Ambrì riparte fortissimo nel terzo periodo, Collenberg impegna Boltshauser dopo meno di un minuto, poi nessuna emozione, i padroni di casa vogliono chiudere la pratica ma come nel secondo periodo peccano di fretta e imprecisione trovando la rete del definitivo 4-2 con Matt D’Agostini a porta vuota con il Kloten a sei uomini di movimento al 59’13”. Onestamente una partita quasi soporifera nonostante le sei reti della serata, i leventinesi mettono fieno in cascina in vista di gara 4 alla Swiss Arena lunedì 2 aprile e ritrovano un Elias Bianchi in grande spolvero.

Annuncio Pubblicitario
il circolone

HC Ambri Piotta – EHC Kloten: 4-2 (2-2, 1-0,1-0)

AMBRÌ: Conz; Zgraggen, Plastino; Zwerger, Emmerton, D’Agostini – Pinana, Ngoy; Kubalik, Berthon, Lhotak – I. Dotti, Gautschi; Lauper, Goi, Incir – Collenberg; Bianchi, Kostner, Trisconi; Mazzolini.

Reti: 4’09” Santala 0-1; 7’17” Berthon (Kubalik) 1-1; 14’25” Bianchi (Trisconi) 2-1; 17’40” Sallinen (Bozon) 2-2; 29’58” Emmerton (D’Agostini) 3-2; 59’13” D’Agostini 4-2.

Penalità: Ambrì 10 x 2′; Kloten 5 x 2′

Gli highlights della partita da MySports

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento