Dominik Kubalik reti e assist è over the top, “The one man show”

Dominik Kubalik

Dominik Kubalik non si ferma più, assist e rete in overtime che regala una vittoria meritata contro lo Zugo. Ora pausa nazionale prima del Ginevra Servette.

Ambrì – Dopo l’ottima prestazione di Berna, i leventinesi sono chiamati a dare continuità alle prestazioni, questa volta almeno con una vittoria, contro la seconda forza del campionato ossia lo Zugo. Partita importate, tuttavia l’assenza di Novotny per infortunio priva i bianco blu di una pedina fondamentale, ma la forza di una squadra è anche quella di saper superare i momenti delicati di una stagione.

Jiry Novotny assente per un mese causa infortunio

L’Ambrì vuole mettersi alle spalle le ultime due sconfitte,  specialmente quella di Berna ma sulla strada trova un Zugo che già nel corso di questa stagione ha espugnato ben due volte la Valascia. Sono proprio gli ospiti a sfiorare più volte il vantaggio, poi dopo un momento di stallo il solito Dominik Kubalik serve Michael Ngoy al 16′ per la rete del vantaggio, ma lo Zugo impiega solo due minuti per ottenete il pareggio di Diaz con una deviazione sulla quale Manzato nulla può fare. Pareggio giusto, uno Zugo intraprendente ad inizio incontro  ha lasciato spazio ai levetinesi senza però farsi dominare.

Dominik Kubalik
Michael Ngoy autore della prima rete dei leventinesi

I leventinesi sono abili a giostrare con lo special team,  infatti già al 22′ Muller insacca per il 2-1 dopo un bel tiro del solito Dominik Kubalik. Nonostante i biancoblù si  fanno preferire sul piano del gioco, gli svizzero centrali trovano nuovamente il pareggio con un’azione caparbia di Simion che al 26’ non ha lasciato scampo alla difesa ticinese. Il gioco rimane equilibrato e nonostante le numerose occasioni per entrambe le squadre, la più ghiotta per l’Ambrì con un disco salvato dalla difesa ospite sulla linea di porta, si  arriva alla seconda sirena sul 2-2.

Annuncio Pubblicitario

Dominik Kubalik
Marco Muller abile in power play a fare il 2-1

L’ultima frazione vede le squadre cercare con grande insistenza la via della rete, dopo le ghiotte occasioni capitate sui bastoni di Kostner e Kubalik, Rohrbach al 47′ porta nuovamente avanti i sopracenerini superando Stephan da pochi passi. Ebbene, gli ospiti riescono però a pareggiare la contesa grazie ad un tiro imprendibile di Martschini al 50’ in power play e a soli 5″ dalla sirena Fora si è visto negare la vittoria dalla traversa. Quindi overtime che sorride meritatamente ai bianco blu grazie al solito Dominik Kubalik al 64′, vittoria importante che vale solo due punti, ma meritati, ora pausa nazionale prima del prossimo incontro sabato 9 febbraio sempre alla Valascia con il Ginevra Servette.

Hc Ambrì Piotta – Ev Zugo: 4-3 d.s. (1-1, 1-1, 1-1, 1-0)

Reti: 16’06’’ Ngoy (Kubalik, Zwerger) 1-0; 18’09’’ Diaz (Flynn) 1-1; 22’20’’ Müller (Kubalik, Hofer) 2-1; 25’57’’ Simion (Schnyder) 2-2; 47’35’’ Rohrbach (Hofer, D’Agostini) 3-2; 50’22’’ Martschini 3-3; 64’02’’ Kubalik (Müller, Plastino) 4-3.

Ambrì: Manzato; Dotti, Plastino; Guerra, Fischer; Jelovac, Fora; Ngoy; Hofer, D’Agostini, Rohrbach; Kubalik, Müller, Zwerger; Bianchi, Kostner, Trisconi; Lauper, Goi, Incir; Kneubuehler.

Penalità: Hcap 5×2’ Evz 7×2’

Note: Valascia 4’484 spettatori. Arbitri: Lemelin, Wiegand, Progin, Wolf.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento