Doha 2019, la cabiatese Giorgi è bronzo nella 50 km di marcia

doha 2019

Arriva la prima medaglia azzurra ai Mondiali di atletica di Doha 2019. E’ Eleonora Giorgi, marciatrice di Cabiate, a salire sul gradino più basso del podio.

Il coronamento di un sogno per una carriera piena zeppa di sacrifici. Nel suo palmares erano tre titoli italiani assoluti, ai quali aveva aggiunto un bronzo europeo Under23 e un oro ai Giochi del Mediterraneo. Senza dimenticare che la 30enne detiene il primato europeo nella 50 km di marcia con il tempo di 4h04’50”, stabilito lo scorso maggio nell’esordio su tale distanza in Coppa Europa. Ma nelle scorse ore per la cabiatese è arrivata la medaglia più importante, quella di bronzo, nella rassegna iridata in corso di svolgimento in Qatar.

doha 2019

Un’edizione massacrante quella di Doha 2019, con condizioni climatiche a dir poco stremanti in gare di tale durata, con una temperatura minima di oltre trenta gradi e un’umidità che supera tranquillamente il 70%. Diverse le atlete che non sono giunte al traguardo. Ma la Giorgi è stata più forte di tutto ciò, ha provato a tenere il passo nella prima metà di gara delle cinesi Liang Rui e Li Maocuo (rispettivamente oro e argento in 4h23’26” e in 4h26’40”) e resistendo alla crisi che ha iniziato a colpirla successivamente, fatta di problemi di stomaco, che ha alimentato le speranze di recupero dell’ucraina Olena Sobchuk. Ma l’atleta delle Fiamme Azzurre è riuscita a stringere i denti e a conquistare la quarantaquattresima medaglia della storia italiana ai mondiali di atletica, chiudendo in 4h29’13”.

“Ho avuto diversi problemi che mi hanno fatto un pochino rallentare – le parole di Eleonora Giorgi ai microfoni di Rai – non so se dovute alle condizioni climatiche o all’acqua fresca. Ma ho usate testa, gambe e soprattutto cuore perchè oggi sapevo che era un’occasione da cogliere e non volevo lasciarmela scappare. Questa era la mia seconda 50 km in carriera, oggi non era importante il tempo ma contava arrivare. Quando ho visto l’ucraina che guadagnava così tanto sono riuscita a reagire. L’emozione di questo risultato è qualcosa di inspiegabile”.

Annuncio Pubblicitario

Nella giornata di ieri si è svolta anche la finale dei 100 metri, che ha visto la partecipazione di un altro brianzolo, ovvero Filippo Tortu. Per il classe 98′ è arrivato un ottimo settimo posto finale, ottenuto con il crono di 10″07 in una gara che ha visto vincitore Christian Coleman in 9″76 davanti all’americano Justin Gatlin e al canadese Andre De Grasse. Non è invece andato oltre la semifinale l’altro azzurro Marcell Jacobs.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento