Daniel Manzato freddo nel momento caldo: Overtime Ambrì

Daniel Manzato entra a freddo e scalda subito il guantone: L’Ambrì vince con merito in overtime un incontro dagli animi accesi. Per Conz non c’è pace.

Ambrì  – L’amara  sconfitta di Langnau è un ricordo ormai vecchio di una settimana. Certe leggerezze o ingenuità costate i tre punti, contro l’avversario di oggi non devono o possono esser tollerate. Zugo, basta il nome per tenere il livello di allerta alto, la cornice di pubblico sarà quella delle grandi occasioni, vuoi anche per la cadenza della domenica pomeriggio che invoglia ancor di più ad andare alla Valascia. Cereda deve fare a meno di Upshall, Sabolic in prima linea con D’Agostini e Flynn, Conz ancora titolare dopo le incertezze in terra d’Emmenthal.

daniel manzato
Il raddoppio di D’Agostini e’ davvero spettacolare in tutta la sua esecuzione

Fase interlocutoria quella di inizio partita, nulla di che fino al 4′ quando D’Agostini aggirando la gabbia serve al centro Sabolic per il vantaggio biancoblu. Hollenstein si fa un po’ sorprendere ma per convalidare la rete serve la presa visione delle immagini. É lo stesso Sabolic a farsi pizzicare per un Cross Check ma i leventinesi ne escono indenni. L’Ambrì c’è è inizia a macinare ghiaccio, lo Zugo finisce sotto pressione, a farne le spese McIntyre con un 2’+2′ per comportamento antisportivo. Anche Klingberg segue il suo compagno di squadra, permettendo ai leventinesi di giocare in cinque contro tre. Ma i padroni di casa non ne sanno approfittare causa anche una penalità contro Conz. Un primo periodo che finisce in rissa con Albrecht e Jelovac con 4′ a testa per eccessiva durezza.

daniel manzato
Per Conz una stagione davvero sfortunata

Gli ospiti entrano con più decisione sul ghiaccio, Martschini è già pericoloso, poi dal nulla D’Agostini estrae il classico coniglio dal cilindro, recupera in zona neutra il disco involandosi verso Hollenstein e infilandolo al 25′ per il raddoppio. É un altro Ambrì, galvanizzato dal raddoppio i leventinesi sfiorano la terza rete con Rohrbach che manca il tap-in vincente dopo un tiro di Fisher. Lo Zugo dal canto suo non riesce a riprendere il ritmo, e nelle  poche volte che si presenta dalle parti di Conz accorcia le distanze con Zehnder al 35′ con un tiro non irresistibile dove lo stesso portiere viene coperto dal traffico. Tuttavia come nel primo periodo, il match si incattivisce, penalità inflitte in contemporanea a Bianchi, Goi e Langenegger per eccessiva durezza. Comunque gli ospiti giostrano in powerplay e Conz in un intervento si infortuna per lasciare il passo a Daniel Manzato, sul capovolgimento di fronte in shorthand l’Ambrì segna la terza rete con Zweger, annullata erroneamente dall’arbitro per aver fischiato con troppo anticipo. Il secondo periodo si chiude con una grossa occasione di Hofmann a tu per tu con Manzato, ma l’ex bianconero alza troppo il tiro per un nulla di fatto.

Annuncio Pubblicitario

Gli special teams biancoblu sono inefficaci questa sera, con Zgraggen punito per sgambetto, i leventinesi non sono in grado di sfruttare l’occasione per allungare, è invece Schlumpf a impegnare con un Big Save Daniel Manzato. Anche con due uomini in più sul ghiaccio i biancoblu sfiorano la rete con Bianchi e Flynn con quest’ultimo che scheggia il palo. Ma se l’Ambrì non sfrutta i power play, lo fa invece lo Zugo in occasione del pareggio con Diaz al 50′ con Dotti fuori per ostruzione. Scaramucce e ritmo spezzettato fino al 60′ con overtime inevitabile dove Zweger al 62′ mette il sigillo definitivo. L’Ambrì vince con merito, fa suoi i due punti in vista del prossimo appuntamento di martedì 10 dicembre alla Vaillant Arena con il Davos.

Daniel Manzato: subentra a Conz sul finire di secondo periodo, da sicurezza al reparto con due Big Save. Nel valzer di portieri in questa stagione, lui è una costante certezza.

daniel manzato
Dominic Zwerger regala vittoria e due punti preziosi all’Ambrì. Quì nel 3-2 in overtime

Hc Ambrì Piotta – Ev Zugo: 3-2 ds (1-0, 1-1, 0-1, 1-0)

Reti: 4’12’’ Sabolic (D’Agostini) 1-0; 25’02’’ D’Agostini 2-0; 31’21’’ Zehnder (Lindberg) 2-1; 50’59’’ Diaz (Martschini) 2-2; 61’22’’ Zwerger (Ngoy) 3-2.

Ambrì: Conz (36’39’’ Manzato); Fischer, Plastino; Dotti, Fora; Jelovac, Ngoy; Pinana, Fohrler; Sabolic, Flynn, D’Agostini; Zwerger, Müller, Rohrbach; Bianchi, Goi, Trisconi; Mazzolini, Dal Pian, Neuenschwander.

Penalità: HCAP 8×2’ EVZ 12×2’ +1×10’
Note: Valascia 5721 spettatori. Arbitri: Lemelin, Hungerbühler, Schlegel, Wolf.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento